Godevelo! Bennato e la coerenza!

paroleacapo

Un’estate ricca di eventi è quella che la città Civitanova Marche offre ai suo abitanti e turisti grazie al cartellone predisposto dal Comune di Civitanova Marche – Macerata

Il 6 agosto 2017 in Piazza XX Settembre l’appuntamento è con il concerto di Edoardo Bennato realizzato in collaborazione con AMAT (ingresso libero), artista amato da pubblico e critica che a cinque anni di distanza dalla pubblicazione del suo ultimo album di inediti Le vie del rock sono infinite (2010), è tornato sulla scena musicale con il suo nuovo progetto discografico dal titolo Pronti a salpare uscito lo scorso ottobre per Universal Music e che dà anche il titolo al tour estivo.

Il nuovo album, prodotto da Brando (Orazio Grillo), è stato anticipato dal primo estratto Io vorrei che per te in radio dal 25 settembre.Pronti a salpare, titolo peraltro già annunciato dal cantautore napoletano in un suo clip…

View original post 394 more words

Advertisements

50 città da visitare almeno una volta nella vita (parte 5/5)

La Volpe Spettinata

Continua il viaggio in giro per il mondo alla scoperta di posti mozzafiato!

2014-07-03-NewYorkIkerFernandezGavilan.jpgNew York, USA – Si capisce perché New York sia spesso chiamata “Crocevia del mondo.” In nessun altro posto si può trovare un concentrato simile di arte, cultura, cucina e business.

2014-07-03-RiodeJaneiroStocklapse.jpgRio de Janeiro, Brasile – Il carnevale più famoso del mondo e una linea d’orizzonte inconfondibile, Rio è un’esperienza per tutti e 5 i sensi. Il fatto che ci si trovino due tra le spiagge più famose al mondo non è male, comunque!

2014-07-03-HavanaViajesyfotografia.jpgL’Avana, Cuba – Esplorare le strade della Vecchia Havana è come tornare indietro nel tempo in un mondo di edifici grandiosi pre-rivoluzionari, e l’odore di cibo fatto in casa si mescola con la brezza marina.

2014-07-03-CuscoChrisPearrow.jpgCusco, Peru– Al di là del fatto che è l’accesso principale per quelli che vogliono esplorare le Ande e Machu Picchu, la città…

View original post 318 more words

Le donne di Messina, Elio Vittorini

Ella Gadda

[…] Era un cerro, ch’è della famiglia delle querce, albero di legno duro. Solo nel villaggio, a un’estremità di esso, e il solo di chilometri e chilometri intorno, era più fiero, a vederlo, e come più sacro, dell’ingresso romanico al buio della chiesa sua vicina; come più di quella impregnato d speranze, voti, disegni umani che avesse avuto ai piedi per secoli di pomeriggi e di discorsi fatti, di riti consumati, di gare, banchetti, bandi, impiccagioni, nella sua ombra a frastagli grandiosi che dopo mezzogiorno raggiungeva anche il lungo muricciolo su cui sempre s’erano seduti, o cui s’erano appoggiati, volgendo le spalle al greto e all’acqua di sotto, uomini di ritorno dal lavoro.
Ora tornavano anche le donne dal lavoro, o passavano, per il lavoro, avanti e indietro, con carriole e con secchi, con panieri nei quali recavano mattoni, ed era ai piedi dell’albero ch’esse s’incontravano, sostando ai suoi piedi…

View original post 383 more words