Le ceramiche di Jean Gerbino (1876-1966)

Il Canto delle Muse

La città di Vallauris è famosa per la ceramica, una tradizione peraltro molto antica. Nell’epoca gallo-romana si utilizzavano già i suoi importanti giacimenti di argilla refrattaria per costruire mattoni e vasi.
Nel XVI secolo,dopo la devastazione causata dalla peste settanta famiglie di Genova e dintorni, tra cui anche dei vasai, ripopolarono la città.
Tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX l’avvento della ferrovia consentì un notevole incremento della produzione. La crisi economica del 1930 e l’impiego di materiali innovativi quali l’alluminio, la ghisa e poi l’inox, causaronono il declino dell’utilizzo della terracotta per l’uso culinario quotidiano.Poi,la svolta avvenuta verso la fine degli anni quaranta,quando il destino della ceramica assunse valenza puramente artistica.
Questa evoluzione avvenne soprattutto con la famiglia Massier (fine XIX e inizio XX) con l’introduzione di smalti colorati e di riflessi metallici.
Nel ventesimo secolo,la produzione del laboratorio Madoura col prestigio di Picasso ebbe un…

View original post 138 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s